abc del teatro

Maschera

La maschera viene indossata in teatro in funzione di diverse considerazioni, in particolare per osservare gli altri restando al riparo dagli sguardi altrui. La festa mascherata libera le identità e i divieti di classe o di sesso. Nascondendo il viso, si rinunzia volontariamente all’espressione psicologica, che generalmente fornisce allo spettatore una grande quantità d’informazioni, spesso molto precise. L’attore si vede così costretto a compensare la perdita di senso e la mancanza d’identificazione con un considerevole dispendio corporeo. Il corpo esprime l’interiorità del personaggio in modo molto amplificato, esagerando ogni gesto: la teatralità del corpo e la sua presa di possesso dello spazio ne risultano considerevolmente rafforzati; la maschera sottrae realismo al personaggio introducendo un elemento estraneo nella relazione di immedesimazione dello spettatore nell’attore.